Slaughtering

Macellazione islamica

La pratica della macellazione islamica: una riconciliazione tra prescrizioni di legge e pratiche sanitarie

Le prescrizioni islamiche prevedono la macellazione di animali halàl (leciti). I metodi di macellazione includono varie regole:

  • gli animali devono essere vivi e in salute al momento della macellazione;
  • il macellatore deve essere musulmano e deve osservare alcune regole come, ad esempio, l’utilizzo di un coltello affilato per recidere nettamente l’arteria carotide, la vena giugulare e la trachea con un solo colpo senza tagliare l’esofago e i nervi;
  • si deve consentire il completo dissanguamento dell’animale macellato.

 

Gran parte di queste   prescrizioni - nelle quali  si possono  individuare motivazioni attribuibili alla sicurezza alimentare (food safety) e alla prevenzione della trasmissione di malattie dall’animale all’uomo - sono presenti nella legislazione (o nelle buone prassi di macellazione) degli stati membri dell’Unione Europea e gli Stati Uniti d’America, come il dissanguamento dell’animale, il divieto di macellazione di animali affetti da patologie, la buona pratica di legare l’esofago prima di reciderlo.

 

Obiettivo del progetto è procedere a una lettura comparata delle regole di macellazione in Europa, negli Stati Uniti e nel mondo islamico, a partire da una lettura critica dei risultati della ricerca scientifica sul tema, che ponga l'accento sulle motivazioni delle prescrizioni relative alla macellazione nell’ottica della salvaguardia della salute umana.